News immobiliari

17 Mag 2014 12:17
news di Maggio 2014

Trasferimenti immobiliari
SEMPLIFICATA LA TASSAZIONE INDIRETTA
Dal 1° gennaio 2014 sono entrate in vigore rilevanti novità in ordine alla fiscalità indiretta dei trasferimenti immobiliari; il riferimento è alle imposte d'atto, cioè di registro, ipotecaria, catastale, di bollo e agli altri tributi accessori. Le novità, realizzate tramite la riscrittura dell'art 1, Tariffa, Parte Prima, D.P.R. 26.4.1986, n. 131 (Atti soggetti a registrazione in termine fisso) - sono "figlie" dell'art. 10, D.Lgs. 14.3.2011, n. 23, già più volte modificato.

Pantoni Gioacchino, Sabbatini Claudio, Hercolani Ferrario Michele, Il Sole 24 ORE – La Settimana Fiscale, 5 marzo 2014, n. 9

Certificazione energetica
IMMOBILI: SCATTANO LE SANZIONI PER I CONTRATTI SENZA APE
Le compravendite e gli affitti conclusi senza allegare l’attestato di prestazione energetica sono validi, ma se l’attestato non viene consegnato entro 45 giorni sono puniti con sanzione pecuniaria da € 3.000 a € 18.000 (da € 1.000 a € 4.000 per i contratti di locazione di singole unità immobiliari).

Ivan Meo, Angelo Pesce, Il Sole 24 ORE Consulente Immobiliare – 31 marzo 2014 - n. 949


Immobili
PER LE CALDAIE NUOVI LIBRETTI DA GIUGNO
A partire dal 1° giugno "cambiano pelle" i documenti che certificano l'efficienza degli impianti installati in casa, in ufficio o in azienda. E diventano obbligatori anche per i dispositivi di climatizzazione estiva.
Un unico libretto, composto da più schede modulabili a seconda delle caratteristiche dell'impianto. Quattro tipologie di rapporto di efficienza energetica, studiate per mettere a fuoco e mappare le prestazioni non solo delle tradizionali caldaie, ma anche dei sistemi di condizionamento, di teleriscaldamento e di cogenerazione.

Silvio Rezzonico, Maria Chiara Voci, Il Sole 24 ORE – Norme e Tributi, 31 marzo 2014

Immobili
RISTRUTTURAZIONE PIU' LIBERA NELLA FORMA O RIUSO URBANO?
Una recente sentenza del TAR Piemonte – Torino ha ritenuto non dovuti gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria per gli interventi realizzati mediante demolizione e ricostruzione mantenendo la stessa volumetria e la stessa destinazione d’uso dell’edificio preesistente, a nulla rilevando la modifica di sagoma e prospetti.